mercoledì 16 agosto 2017

La metamorfosi - Franz Kafka



Die Verwandlung - 1915


"Destandosi un mattino da sogni inquieti, Gregor Samsa si trov
ò tramutato, nel suo letto, in un enorme insetto."

Questo l'incipit fulminante del racconto di Franz Kafka, che butta il lettore in un incubo da cui se ne esce soltanto dopo una lettura follemente attenta, veloce e senza pause.
Gregor 
è un commesso viaggiatore, che mantiene padre, madre e sorella: personaggi alquanto mollicci, pigri e ben adagiati nel proprio torpore. Non sapremo mai la natura della sua trasformazione fisica in un gigantesco scarafaggio, vedremo soltanto sviluppare la metamorfosi di una mente umana prigioniera in una veste animale, e le inevitabili, e conseguenti, metamorfosi dei familiari. 


Franz Kafka  
 Praga 
(Rep. Ceca) 1883 – Kierling (Austria) 1924




Praga, Quartiere ebraico - Monumento a Kafka 
 accenni alla Metamorfosi: scarafaggio a terra, involucro vuoto del padre


Praga, Monumento a Kafka di David Cerny



La tomba di Kafka nel nuovo cimitero ebraico, a Praga.
Non fu sepolto a
 Vyšehrad (cimitero dei personaggi illustri) perché non fu mai famoso in vita, ritrovandosi così, per l'eternit
à, accanto ad un padre con cui non andava d'accordo.

3 commenti:

  1. "... in cerca di un sostegno, cadde subito giù sulle sue zampette emettendo un gridolino. All'istante, per la prima volta in quella mattina, provò un senso di benessere fisico; le zampette erano ben salde al suolo, ed egli si accorse con gioia che gli ubbidivano perfettamente; addirittura fremevano dalla voglia di portarlo ovunque egli avesse voluto andare; ed egli credette già giunto il momento di liberarsi definitivamente da ogni sofferenza."

    Nella grandissima confusione creatasi attorno a lui, la sua mente continua a sentirsi umana, ma il corpo inizia a comportarsi da scarafaggio. Istintivamente, Gregor se ne compiace.

    RispondiElimina
  2. Visitai Praga all'inizio del 2000, e quindi non ho avuto modo di vedere la statua di Rona, estremamente significativa se appena si conosce la vita di Kafka e il ruolo determinante del padre, per non dire asfissiante. Similmente, altrettanto significativa in questo senso rimane "La metamorfosi", che per una lucida trasposizione letteraria descrive come il comportamento di un padre afflitto da severità/disumanità/appioppamento di responsabilità fa sentire il figlio Gregor-Franz: essere schiacciato come uno scarafaggio.

    RispondiElimina
  3. In assoluto, il primo concetto che associo a Gregor, è "Camera obscura". Attraverso uno strumento semplice, che osserva a 360 gradi, ecco svelata la vera natura della sua famiglia - padre minaccioso, madre affettuosa e sorella complice - che non lo aveva mai gratificato, ma solo sfruttato. E lui poveretto, confinato in quella camera a spiare, senza poter comunicare, ma solo raggiungere la conoscenza.

    RispondiElimina